« Torna all'indice di Articoli vari da "La Macchina del Tempo"

Dracul in rumeno significa "diavolo" o anche "dragone" ed è probabile che l'epiteto fosse attribuito, tra XIV e XIX secolo, sia ai grandi guerrieri romeni capaci di "battersi come dei diavoli", sia agli appartenenti all'ordine cavalleresco dei Dragoni. Dracula invece sarebbe una forma di genitivo slavo per significare "figlio di Dracul". Il più famoso è certo il principe Vlad III (1431-1476) nato a Sighiroara, in Transilvania. Suo padre, Vlad Dracul, diventa principe di Valacchia nel 1436 grazie all'appoggio del re d'Ungheria. Quando questi muore, Vlad si allea col sultano turco, ma nel 1442 gli ungheresi battono i turchi e Vlad Dracul perde il trono rifugiandosi in Turchia coi figli e continuando a combattere su diversi fronti per riconquistare il trono. Tre anni dopo Dracul viene decapitato dal re ungherese e il figlio Dracula prosegue le lette per conquista della Valacchia. Ci riesce per pochi mesi nel 1448 e poi nel '56 per 6 anni, durante i quali fa impalare 40.000 persone, tra le quali i nemici e i traditori del padre, e i mercanti disonesti.
La vita di Vlad Tepes (cioè "l'impalatore"), detto Dracula, fu molto movimentata, tanto che è difficile stabilire con esatezza una sua residenza ufficiale. La più probabile è il palazzo reale di Trigoviste, oggi in rovina, ma sono molti i castelli in cui Dracula ha passato almeno una notte.

di Antonio Armano e Fabio Sclosa

« Torna all'indice di Articoli vari da "La Macchina del Tempo"