[ avanti ]    
Avrebbe giurato, che la lampada dei due uomini che scendevano dalla torre, traballasse molto di pi che all'andata, come se i due scendessero le scale barcollando, non era la prima cosa strana che aveva notato quel giorno, per esempio i due forellini sulla gola dell'attrice erano veramente realistici, quasi fossero veri, e quel suo pallore, unito a quello di altri della troupe, ad una specie di stanchezza che sembrava essersi impadronita di molti. Osserv˛ i due elettricisti che sbucarono dalla base della torre, nel piccolo cortile del castello, si trascinavano dietro un cavo ed i loro movimenti gli sembravano indolenti, come impacciati, si avvicinavano al gruppo elettrogeno al quale venne attaccato il cavo, come d'incanto il salone al pianterreno, quello dove mangiavano, venne illuminato a giorno dalle potenti lampade usate per il set, in quell'istante da una finestra si affacci il regista, "Bel lavoro ragazzi!", e subito richiuse la finestra. Faceva freddo, si avvicin˛ al camino dove ardeva un robusto fuoco, pieno di spifferi questo posto, pens˛, guardando come si agitava la fiamma delle candele.

La casa del guardiano
Abbiamo lasciato il pipistrello svolazzante nel tramonto, nel momento in cui sembrava essere entrato, ed, in effetti, era entrato, nella casetta del guardiano, qui si stava svolgendo una scena, che faceva intuire una gran fretta di fuggire da quel luogo. Alcune scatole erano ammucchiate al centro della stanza, che era tutta in disordine, il guardiano stava cercando di chiudere una valigia troppo piena, facendosi aiutare dalla moglie, che vi si era seduta sopra, cosý li trov˛, il signore della notte, quando lasci la forma di pipistrello per assumere quell'umana.
"Cos accogli il tuo Signore, Zoltan?".
Il guardiano ebbe un sussulto, nello stesso tempo riuscý a scambiare un'occhiata d'intesa, con la moglie, come se fossero preparati a quella visita. Era un ometto basso e tarchiato Zoltan, quasi calvo, che indossava dei buffi pantaloni infilati negli stivali ed un sudicio giubbotto chiuso fino al collo, con insospettabile agilitÓ si gett˛ ai piedi del convenuto e con una vocina stridula cominci a dire.
"Mi scuso signore, il vostro umile servo non aspettava la vostra visita.".
"Dove stai andando, stai forse cercando di fuggire?".
"Per caritÓ mio Signore, sto solo preparando le valigie della piccolina, devo portarla al paese da dove partir per Brasov, credimi solo un'assenza momentanea.".
"Vuoi forse finire, nella galleria degli orrori di un luna-park?".
"Per caritÓ, no, mio signore, mi sto solo allontanando per un attimo, domani mattina sarÓ di ritorno.".
"Non sei tu che m'interessi, viscida creatura, ne ho abbastanza di bere il tuo sangue che non mi rinvigorisce come quello di una vergine, ed adesso mi stai dicendo che lei deve andare via, no Zoltan, non puoi farmi questo, ricorda non ci sarÓ un buco abbastanza profondo dove potrai nasconderti dalla mia ira.". Detto questo, la misteriosa creatura sparý, in una nuvola di zolfo.
"Presto Marfa, dobbiamo fare presto, " riprese a dire l'ometto rivolto alla moglie, "aiutami a portare fuori la roba.". Il vecchio attore che era tornato alla finestra, not˛ prima di tutto, il volo del pipistrello, e si disse che quello animale non volava a caso, osserv˛ il via vai indaffarato del guardiano e sua moglie, che portavano pesanti pacchi che deponevano su di un piccolo veicolo a tre ruote. Da una porta che si apriva sul giardino apparve nel piccolo cortile la giovane, che sembr˛ chiedere spiegazioni ai suoi genitori, "non c'e tempo per le spiegazioni, piccola", disse suo padre, quindi fu fatta accomodare nel piccolo abitacolo del mezzo, che poco dopo scoppiettando si mise in moto, il vecchio attore lo guard˛ allontanarsi, cominciare a scendere verso il fondovalle, arrancare lungo la strada che saliva sui primi contrafforti della montagna, oltre la quale c'era il paese, "speriamo almeno la ragazza si salvi.", pens˛, mentre una tremenda consapevolezza, scendeva nel suo animo, poco prima aveva ascoltato, proveniente dalla stanza accanto dove alloggiava la prima attrice, il dialogo che si era svolto tra lei e la costumista di scena che aveva bussato alla porta.     [ avanti ]

di Yoth